minestra d’orzo di casa Giuffre’

783864801.JPG
1417183361.JPG
 
Sembra una qualsiasi minestra d’orzo… ma non lo e’!
la ricetta e’ di ugo, l’amico con cui ho fatto il fondo bruno.
Un sapore insolito per noi terroncelli, ma ne sono rimasta folgorata.
Francesco ne ha mangiati tre piatti (di quelli che vedete qua sopra).
 
La ricetta in se e’ semplice.
 
1 carota, 1 costa di sedano, 1 cipolla, 1 patata, 1 pezzetto di cotenna, 100 g di carne salada o manzo affumicato, 100 g di speck a cubetti, 1 cucchiaio di strutto, 60 g di orzo, un pochino di rosmarino, un pochino di timo, un cucchiaio di concentrato di pomodoro, brodo q.b (a me ne sono serviti due litri), un pochino di prezzemolo, qualche pezzetto di parmigiano (io ho messo pure del formaggio alla menabrea).
 
Dopo aver sbollentato la cotenna, metterla nel pentolone che userete per cuocere la minestra assieme alla cipolla tritata fine e un cucchiaio di strutto.
Tenete tutto li’ buoni buoni.
Nel frattempo fate andare in un padellino le verdurine tagliate a cubetti e aggiungetele al pentolone.
Iniziate a cuocere il tutto. Rosolate nel padellino di cui sopra anche lo speck e infine il manzo sempre a cubetti e aggiungetelo nel famoso pentolone.
Bagnate con brodo e andatelo aggiungendo man mano che serve.
In un’altra pentola, fate cuocere al dente l’orzo con un po’ di brodo.
Quando riterrete che sara’ pronto, aggiungetelo al pentolone famoso, assieme a un cucchiaio di concentrato di pomodoro, al prezzemolo e gli altri aromi e ai pezzetti di parmigiano.
Lasciate cuocere tutto assieme per un po’ e poi servite
 
minestra d’orzo di casa Giuffre’ultima modifica: 2008-10-22T14:18:10+02:00da cisejazz
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “minestra d’orzo di casa Giuffre’

  1. Ciao!! 🙂 che bello il tuo blog! complimenti! i tuoi figli sono bellissimi e nelle foto in cui si vede casa tua si sente proprio che c’è un’energia bellissima!
    ti rispondo qui sul lievito: io ho usato il lievito di birra disidratato della paneangeli, mi trovo bene perchè è a lunga scadenza, dato che i panetti ogni volta che mi ricordo di averli in frigo li apro ed hanno già la muffa 🙁
    i 7 grammi di quel lievito corrispondono ad un panetto.
    parte dei panini li ho divorati ancora caldi, mentre gli altri li ho congelati. scongelati poi tornano fantastici!
    un bacio

  2. ciao viviana! grazie per la tua visita: io amo venire a leggere il tuo blog ^_^
    come te, sono una palermitana in trasferta….
    ti ringrazio per le precisazioni e per avermi risposto cosi’ velocemente.
    Sto preparando qualche gnocco per stasera e mi e’ avanzata un po’ di patata bollita: ho usato quella bianca, spero che vada bene anche per il pane.
    Mi metto all’opera immediatamente, perche’ dimezzero’ il lievito e quindi dovro’ allungare i tempi di posa per la lievitazione (arrivero’ giusto in tempo per cena!)
    Grazie mille ancora!
    a risentirci presto 😉

  3. Ciao sono Cia e ho visto questo indirizzo dal forum delle Cesarine. Complimenti. Belle le foto dei tuoi figli. Io solitamente, devota a ciò che mi definisco, Cesarina, iscritta all’Associazione, progetto Home Food, cucino prodotti tipici del mio territorio, preparandoli secondo ricette tradizionali. Evitando contaminazioni o voli di fantasia. Ospito quanti ne facciano richiesta in Associazione, nella mia abitazione. Preparando un menù ricco, dall’antipasto al dolce nel rispetto della convivialità. Come me, tante le Cesarine che ricoprono la Penisola e che offrono, in base al luogo di appartenenza, cibi della propria tradizione. Visitate anche il blog, lo consiglio, che assieme a questo, arricchisce di sapori il Natale: http://www.blogfood.it Chiedete informazioni su preparazioni e ricette dimenticate, una di noi, risponderà.. avete preparato mai la Gubana, un piatto tipico delle feste che stanno per arrivare?

  4. piacere di conoscerti Cia e mi spiace risponderti solo ora, ma il blog si e’ trasferito e non avevo notato il tuo commento.

    Grazie per essere passata: vi ho seguite dall’inizio del progetto praticamente, ma ho coscienza del fatto che la mia cucina spazia e sono ancora alla ricerca della mia strada, che non per forza coincidera’ con la vostra, nonostante sostengo la vostra idea e colgo ogni occasione possiible per farvi pubblicita’.
    Passero’ a trovarvi 😉

    grazie!

Lascia un commento